Connect with us
DIMMI

dimmi!

MOSCOW MULE, storia di un cocktail

Food

MOSCOW MULE, storia di un cocktail

Stanche dei soliti aperitivi o cocktail dopo cena che non stuzzicano più il vostro palato?
Bene, da un po’ di tempo in città c’è un nuovo drink che risveglierà la vostra curiosità.
Basta ai classici bicchieri di vino o vari spritz e hugo, avete mai assaggiato il moscow mule?

Un drink fresco e frizzantino che deve il suo sapore particolare allo zenzero e alla ginger beer che dallo stesso ortaggio deriva.
Questo cocktail oltre ad essere molto buono, ha alle spalle una storia incredibile che ancora oggi affascina i bartender più esperti.
Infatti il moscow mule nasce intorno agli anni ‘40 in un bar di New York, il Chatman, dove due imprenditori disperati hanno unito le proprie risorse e creato un mito.
Da una parte troviamo John G. Martin, che negli Stati Uniti non riusciva a vendere la vodka Smirnoff, dall’altra parte Jack Morgan, il proprietario del locale più in di Hollywood, che stava cercando di lanciare sul mercato una nuova bevanda senza successo, la ginger beer, appunto.
I due imprenditori unirono le forze e le menti e mescolarono i due ingredienti, aggiungendo una spruzzata di lime, nacque così il drink che una volta bevuto in gola aveva quel pizzicorio che ricordava un “mulo che scalcia”.
In realtà il nome del cocktail è nato dall’arrivo di un terzo personaggio, un’imprenditrice che, guarda caso, aveva un magazzino pieno di mug di rame con inciso sul davanti un mulo che scalciava.
I tre imprenditori si fecero man forte e con fantasia e forza lanciarono sul marcato il nuovo drink con il nome Moscow Mule, e in men che non si dica, da los Angeles a Manhattan divenne l’”intruglio”più richiesto e ricercato.
Nel corso degli anni il moscow mule ha subito varianti di genere e di gusti, ma la ricetta vera e originale è la seguente:
Ingredienti
* 4,5 cl Vodka
* 12 cl Ginger Beer
* 0,5 cl Succo di lime fresco
* 1 fetta di lime

Insomma non esitate e al prossimo aperitivo inebriatevi con il “mulo che scalcia”.

Photo credit:
www.pinterest.com

More in Food

ERMANNODONADONI>
To Top