Connect with us
DIMMI

dimmi!

L’amore che guarisce

Pensieri

L’amore che guarisce

Chi nel passato ha vissuto periodi di dolore profondo, conoscerà la sensazione che spesso accompagna o segue quei momenti, che porta a pensare che l’unica soluzione per continuare a sopravvivere alla distruzione che portiamo dentro sia l’alienazione totale.

Immagine correlata

La separazione dal mondo, dalle cose che ci hanno sempre circondato, dalle persone che abbiamo sempre creduto ci sarebbero state accanto in ogni momento, dalle idee che avevamo riguardo il futuro.

Quel dolore sembra aver contagiato l’aspetto degli oggetti, il significato delle parole, i sentimenti che proviamo per le persone e che loro provano per noi; ogni singola immagine che ci eravamo prefigurati muta, sbiadisce, si rompe come fosse stata dipinta su un vetro che cade e si frantuma.

L’idea che avevamo di noi cambia, il nostro ruolo, quello che pensavamo di rivestire e quello che avevamo nelle vite di chi ci conosce, sembra non fare più per noi. Troppo è cambiato dentro di noi, perché tutto quel che sta fuori non faccia lo stesso.

Risultati immagini per depression

Dopo aver sofferto ancora di più dopo il dolore vissuto, non riuscendo a capire quale fosse il modo migliore per non soccombere sotto il suo peso, si riesce a mettere a fuoco questa sensazione, che diventa verità incontestabile.
Allora l’unica via di uscita sembra quella di ripartire da capo, lasciandoci alle spalle quel dolore, con tutto il resto del mondo che ne ha rappresentato il teatro d’esecuzione.

Cercando di non chiudere le porte della ragione, chi è aiutato nel modo opportuno, riesce ad abbandonare questa visione e ad aprirsi verso quello stesso mondo che voleva abbandonare, riesce a viverci e a vivere le persone che ne hanno sempre fatto parte con una sempre crescente serenità e una sempre minore voglia di scomparire.

Accade che si aprano a noi nuove strade, percorsi inesplorati, accade che ci si renda conto che non tutto si è ancora compiuto. Ciò però non succede mai magicamente: serve impegno costante nel desiderare di uscire dalla morsa d’angoscia che sembra avvolgerci completamente, una particolare dedizione nella ricerca di nuovi punti fermi, di una nuova stabilità e un nuovo tipo di felicità, e accade di riuscirci persino!

Il percorso di guarigione di una ferita porta alla formazione di cicatrici, del tutto simili a quelle che forma la nostra pelle in seguito ad un trauma, eccetto che per la loro resistenza. Talvolta infatti basta che queste cicatrici vengano solleticate perché si riaprano facendoci intravedere (di nuovo) i motivi che ci avevano portato a sentire di essere costantemente vicini ad un abisso in cui fragilità e sconforto fanno da contraltare alla nostra capacità di reggerci in piedi e alla voglia di proseguire nel nostro cammino.
Capita di ricadere.

Risultati immagini per depression

In queste circostanze chi ci è accanto trema quanto noi, perché i nostri guai non sono mai i soli nella vita degli altri.
Perciò un buon modo per riuscire a far richiudere quella ferita è concentrarsi su chi nonostante tutta la fatica, il sacrificio e la frustrazione che può accompagnare il loro starci accanto, resta.
Resta e non lo rinfaccia mai, resta e non minaccia di averne abbastanza. Semplicemente resta.

Questa è l’unica cosa che si può vedere lucidamente, anche quando la vista risulta totalmente offuscata dalla paura di esserci ri-caduti in quell’abisso.
Questa è l’unica forma di amore che valga la pena di essere vissuta senza rimorsi, questa è l’unica forma d’amore che dobbiamo garantire a chi pensiamo lo meriti, e la sola da sognare  per noi stessi.

Risultati immagini per hug

More in Pensieri

ERMANNODONADONI>
To Top