Connect with us
DIMMI

dimmi!

GAME OF THRONES: LA FINE

Pensieri

GAME OF THRONES: LA FINE

Ultime notizie dal TGcom: necessità di cure psichiatriche, o assistenza psicologica (come volete) per far fronte alla delusione più grande della vita, il finale di Game of Thrones!

LA SERIE DELLE SERIE, un fantasy che ha fatto innamorare anche quelli che del fantasy non glie n’è mai fregato un tubo, anzi noia totale, come me per esempio.

Partiamo dal presupposto che io in prima persona mi sono appassionata alla serie, mi ha proprio presa, tanto da non pensare ad altro e aspettare l’uscita delle puntate come fossero Babbo Natale, o Santa Lucia, e detto così è decisamente riduttivo (e non mi viene esempio migliore).

Il Trono piace a tutti (fatta eccezioni di alcuni esemplari rari a cui non sono piaciuti i segreti, i sotterfugi e i complotti, o i draghi, o le scene hot, o il didietro di Jon) e tutti abbiamo aspettato due anni per la stagione conclusiva, forse con troppe aspettative.

Per inasprire la polemica oserei anche dire che di base due anni sono troppi, l’attesa stata davvero interminabile, quando ho visto la prima puntata della 8, ho fatto un ripasso che manco l’esame di storia dell’arte in università, mi ero dimenticata tutto della serie: “ma quello è vivo? Ma non era morto? Ma loro stanno insieme? Mica si odiavano? Ma quello non era stato ucciso?” insomma avete capito, ed è successo anche a voi, ne sono certa.

vPoi ci sono quelli che prima dell’ottava (i miei amici senza andar lontano) si sono riguardati tutta la serie dalla prima stagione, bello tutto, emozionante, che ricordi… ma anche no.

Ma veniamo al dunque.

Già nel penultimo episodio si assiste alla scena della morte di Cersei, che rimane uccisa SOTTO I MATTONI, cioè, abbiamo sperato nella sua morte dalla prima puntata, sono 8 anni che aspettiamo l’evento, lo abbiamo immaginato in tutti i modi, con le peggio torture possibili, morta bruciata dopo la formula magica “DRAKARIS”, abbiamo persino immaginato che la uccidesse il suo amato fratello senza mano, invece cosa succede? Muore piangendo, da vittima, sotto I MATTONI.

Ma continuiamo che ci sto prendendo gusto, parliamo un po’ di Jon Snow che fino all’ultimo dimostra che sua moglie ha sempre avuto ragione… Jon non sa niente, ma niente, si assiste alla trasformazione inaspettata, da maciosuper figo, con lo sguardo penetrante da smutandamento istantaneo, a vero babbeo che ripete in loop “Sei la mia regina, non esiste nessuno come te, ti amo, loro sono la mia famiglia, anche tu lo sei, io ti amo, sei la mia regina, ti amo mia regina, tu sei la mia regina…” sveglia Jon ti prego, riprenditi!


Potremmo parlare anche di Arya, che si aggiudica definitivamente il titolo di miss uccisioni 2019, e che diventa misteriosamente immortale nella penultima puntata, ah e trova un cavallo.

Ed ecco che arriviamo al finale dei finali, il piccolo Bran, il ragazzo con gli occhietti bianchi (personaggio fondamentale, il responsabile di tutto sto patatrac, il bambino curioso) che viene eletto , e sale sul trono.

Non aggiungerei commenti.

Poi improvvisamente Jon si sveglia, e dall’amore incondizionato, che va oltre le gerarchie, che supera qualsiasi fuoco di drago, e UCCIDE LA MADRE DEI DRAGHI, DISTRUTTRICE DI CATENE E RUBACUORI DAI CAPELLI OSSIGENATI.

Che plot-twist da paura, ma paura vera, nel senso di inquietudine e scoivolgimento.

Insomma il contratto è scaduto, e mi sa che per gli sceneggiatori era scaduto anche il tempo per pensare ad un finale migliore, che tutti ci aspettavamo e che tutti, da bravi fedeli e attivi sostenitori, ci meritavamo.

Non ci resta che cercare di difendere il difendibile, Tyrion per esempio (non a caso il mio personaggio preferito di sempre) è super difendibile, coerente fino alla fine e super intelligente fino alla fine.

Concludo e dico che il finale lo voglio reinventare io, mi piace pensare che in realtà Tyrion salga sul trono e vivano tutti (o meglio, i pochi rimasti in vita) felici e contenti, e lui finalmente si ritira nelle sue stanze con Sansa, che questa volta è felicemente acconsenziente, sperando in un sorriso, mai comparso sul suo volto manco in mezza puntata su 71.

More in Pensieri

ERMANNODONADONI>
To Top