Connect with us
DIMMI

dimmi!

TIRAMISU’ without borders

Food

TIRAMISU’ without borders

Uova, mascarpone, zucchero, savoiardi e caffè danno vita al dolce più amato al mondo: ebbene sì, il Tiramisù è il dessert di casa nostra più cliccato su Google a livello planetario, ha conquistato tutti, dall’Inghilterra alla Cina, spodestando crêpes e profiterole!

Italia-Francia: 1-0 in ambito culinario, ma questo lo sapevamo già! Ma sappiamo quante storie pseudo ufficiali e leggende ruotano attorno alla nascita di questo dolce al cucchiaio (autentica bomba calorica) a cui quasi nessuno riesce a rinunciare, nemmeno alla fine di un pranzo o una cena da troppe portate?!

Sembra che tutto parta da due ingredienti: uova e zucchero. L’uovo sbattuto con lo zucchero era infatti un potente ricostituente, la merenda di intere generazioni. Non l’avete mai mangiato? A me lo davano da piccola, con un cucchiaino di caffé e dei biscotti secchi da inzupparci dentro. Ecco fatto: l’antenato del Tiramisù!

Sulla data di nascita dovrebbero essere tutti d’accordo: fine anni ’60, quando questa merenda, uovo sbattuto e zucchero, era diffusa nel veneto e veniva data ai bambini, ma anche agli anziani e ai convalescenti, a coloro che avevano particolare bisogno di energie, di essere “tirati su”. 

Luogo di nascita: Treviso. Il cuoco pasticcere Loly Linguanotto lo propose al ristorante Alle Beccherie, con il nome “Tiramesù”, combinando ingredienti già utilizzati per i dessert al cucchiaio, ma creando un vero capolavoro culinario.

La ricetta originale prevede mascarpone, uova, zucchero, savoiardi, caffè e cacao in polvere. Si montano le uova, devono essere belle spumose, gli si aggiunge lo zucchero e a seguire il mascarpone. La crema ha un’importanza fondamentale, deve avere una consistenza perfetta, guai se risulta troppo liquida. Si prepara il caffè (con la moka), vi si immergono i savoiardi, si dispongono su una teglia e li si ricopre con uno strato di crema. Si ripete il procedimento e si spolvera il tutto con il cacao amaro. Il dolce va messo a raffreddare in frigorifero e dev’essere mangiato rigorosamente con il cucchiaio.

Una delizia. Vi sembra semplice? Provate a farlo! 

More in Food

ERMANNODONADONI>
To Top