Connect with us
MILLE

dimmi!

SUOCERI troppo INVADENTI, come CAMBIO la situazione? Risponde la psicologa!

Psicologia

SUOCERI troppo INVADENTI, come CAMBIO la situazione? Risponde la psicologa!

Cara Dottoressa,

le scrivo perché sto vivendo un incubo! Ho la fortuna di aver incontrato un uomo meraviglioso con cui sono andata a convivere 5 anni fa in un appartamento adiacente casa dei suoi genitori. Non l’avessi mai fatto!! Fin dall’inizio mia suocera ha iniziato a presentarsi a casa a sorpresa, senza avvisare, pretendendo che assecondassi tutti i suoi suggerimenti (o imposizioni?!) senza batter ciglio e sminuendo ogni mia scelta. Quando 3 anni fa è nato nostro figlio la situazione è pure peggiorata, perché abbiamo avuto bisogno del suo aiuto con il piccolo Mattia (lo tiene spesso mentre sono al lavoro) e questo non ha fatto altro che renderla ancora più “presente”. Spesso mi ha criticato di fronte a mio marito facendomi sentire una madre sbagliata.

Sono stanca di questa situazione, ma non capisco come poterne uscire!

Cari saluti,

L.

——————————-

Carissima,

da quanto mi espone, probabilmente per rispetto o per sue caratteristiche personali, finora sembrerebbe aver assunto un atteggiamento passivo-aggressivo che l’ha portata a non esternare i suoi vissuti, accumulando rabbia e risentimento, senza, comunque, ottenere molto in cambio, visto che sua suocera non ha fatto altro che prendersi ancor più spazi e ruoli nella sua vita.

E’ giunto il momento di cambiare rotta e di far valere i suoi diritti in maniera assertiva!

L’eccessiva intromissione dei suoceri è uno degli elementi che maggiormente crea conflittualità nella coppia, perché solitamente il figlio/compagno si trova tra l’incudine e il martello, senza sapere come muoversi, con il timore di fare soffrire la mamma o la moglie. E’ importante, invece, che sia un suo alleato, in grado di sostenerla e supportarla e che si sforzi di far comprendere alla madre l’eccessiva invadenza, sia fisica che emotiva e gli effetti collaterali che si riverberano nel vostro nucleo familiare.

Cara L., deve iniziare a esprimere i suoi sentimenti e i suoi pensieri, avendo anche la capacità di dire “no, grazie”! Ogni volta che sua suocera sottolinea presunte mancanze o si presenta a sorpresa a casa vostra, si sforzi di far valere le sue idee e le sue esigenze, anche chiedendo con gentilezza di ripassare in un altro momento.

Nello specifico, per quanto riguarda l’educazione di Mattia, è importante che lei e suo marito stabiliate delle regole precise e che gliele comunichiate con chiarezza. Concordare una linea educativa comune aiuterà tutti a capire come agire in armonia, condividendo obiettivi e metodologie, di cui beneficerà soprattutto vostro figlio.

L’importante è non perdere la pazienza, mantenere un atteggiamento calmo e sereno, ma fermo e deciso, senza mancare mai di rispetto alla madre del partner, perché così facendo rischierebbe di ferire anche lui!


Avete qualche dubbio che vi attanaglia la mente? Ci sono domande che vi tolgono il sonno? State vivendo un periodo particolarmente stressante e non sapete più cosa fare? La psicologa risponde! Questa rubrica si pone l’obiettivo di affrontare insieme i problemi che quotidianamente fronteggiate e di approfondire i temi che più vi stanno a cuore, favorendo una sana riflessione.

Mandate le vostre domande all’indirizzo:

direzione@dimmibg.it

vi risponderemo qui!

Attenzione: la presente rubrica non può in nessun modo essere considerata come alternativa a un consulto psicologico o a un trattamento psicoterapeutico. Le informazioni e le risposte fornite dall’esperta hanno carattere generale, non ambiscono a fornire risposte risolutive né sono da intendersi come sostitutive di consulenza professionale. Le vostre domande saranno protette dal più stretto riserbo e quelle pubblicate, previo esplicito consenso del lettore, saranno modificate in modo da tutelarne la privacy.

 

More in Psicologia

BonaldiMotori
To Top