Connect with us
DIMMI

dimmi!

SARA’ VERO AMORE? Risponde la psicologa

Psicologia

SARA’ VERO AMORE? Risponde la psicologa

Cara Dottoressa,

da qualche mese sto uscendo con un ragazzo che mi piace molto e, per ora, sta andando tutto bene!! Mi chiamo Elena, ho 27 anni e in passato ho avuto una relazione importante che è durata 4 anni e che è finita in malo modo perché ho scoperto che lui mi tradiva. Da allora faccio molta più fatica a fidarmi perché ho paura di soffrire ancora. A volte vorrei interrompere questa relazione anche se sto bene, ma ho paura di pentirmene poi. Come faccio a capire se è quello giusto?

Grazie se vorrà rispondere,

Elena

Cara Elena,

questa domanda mi è stata posta svariate volte perché, quando si inizia una nuova relazione, i dubbi spesso sono molti, soprattutto dopo un rapporto che si è interrotto improvvisamente e in cui la fiducia nei confronti del partner è stata profondamente minata. Il primo errore da non commettere è credere che la storia si ripeterà: se è capitato una volta, non vuol dire che succederà di nuovo! Il suo nuovo partner non si comporterà necessariamente nello stesso modo, quindi cercare ossessivamente dei segnali di un eventuale suo tradimento altro non fa che rovinare la relazione in essere, senza portare alcun beneficio alla coppia.

I suoi dubbi sono comprensibili, ma altro non sono che un tentativo di proteggersi in anticipo da un’eventuale delusione che crede di non essere in grado di affrontare una seconda volta. Purtroppo ciò non è possibile e nemmeno esiste un algoritmo che si possa applicare ad una relazione per vedere se il risultato a cui porterà è soddisfacente o meno.

Non resta che vivere le varie fasi del rapporto il più serenamente possibile, agendo su ciò che possiamo controllare, cioè noi e le nostre reazioni. La capacità di amare e di esprimere sentimenti evoluti e la possibilità di costruire legami affettivi solidi e non superficiali o distruttivi, dipende dal nostro percorso individuale e dal livello di autonomia vs dipendenza che abbiamo raggiunto.

Ora lei si trova nella fase dell’innamoramento che è una fase idilliaca ma illusoria, perché consiste nell’esaltazione e nell’idealizzazione delle qualità positive dell’amato, eludendo quelle negative. L’innamoramento allontana dalla realtà, ma svolge una funzione essenziale: crea quel possente legame che spinge la coppia all’impegno di un rapporto. Nell’innamoramento non vi è confine né esiste traccia di demarcazione, poiché gli innamorati vivono la magia di essere una cosa sola, unica e indivisa: l’individualità si annulla, scompare e prevale la devozione totale nei confronti dell’altro.

Quando l’individuo, alla fine di questa fase, ritrova la propria unicità può svilupparsi quello che comunemente viene definito amore, cioè l’unione di due entità distinte che si scelgono reciprocamente, consapevoli dei propri pregi e difetti. L’amore maturo è orizzontale, paritario, fatto di condivisione e di partecipazione, di solidarietà e di impegno, di intimità e desiderio e non può essere verticale, asimmetrico, in cui una delle due parti propende sull’altra.

Ora lei si trova in questa delicata fase di passaggio, in cui le promesse e le aspettative inverosimili fatte finora, tipiche dell’illusione dell’innamoramento, si confrontano con la realtà per gettare le fondamenta di un amore sano e maturo. Non sprechi questa preziosa occasione per la paura di soffrire! La certezza di aver trovato quello giusto non potrà mai averla a priori … non le resta che vivere giorno dopo giorno ciò che questa nuova relazione può offrirle!

 


Risponde la Dott.ssa Silvia Gherardi, psicologa clinica e forense, specializzanda in psicoterapia cognitiva comportamentale

Avete qualche dubbio che vi attanaglia la mente? Ci sono domande che vi tolgono il sonno? State vivendo un periodo particolarmente stressante e non sapete più cosa fare? La psicologa risponde! Questa rubrica si pone l’obiettivo di affrontare insieme i problemi che quotidianamente fronteggiate e di approfondire i temi che più vi stanno a cuore, favorendo una sana riflessione.

Mandate le vostre domande all’indirizzo:

direzione@dimmibg.it

vi risponderemo qui!

Attenzione: la presente rubrica non può in nessun modo essere considerata come alternativa a un consulto psicologico o a un trattamento psicoterapeutico. Le informazioni e le risposte fornite dall’esperta hanno carattere generale, non ambiscono a fornire risposte risolutive né sono da intendersi come sostitutive di consulenza professionale. Le vostre domande saranno protette dal più stretto riserbo e quelle pubblicate, previo esplicito consenso del lettore, saranno modificate in modo da tutelarne la privacy.

 

 

 

 

 

 

 

More in Psicologia

BonaldiMotori
To Top