Connect with us
DIMMI

dimmi!

Intervista: JUSTINE MATTERA

Gossip

Intervista: JUSTINE MATTERA

Justine Mattera è sempre stata per me un personaggio affascinante. Indubbiamente l’ho associata a Marilyn Monroe e la seguo da quando ha fatto i suoi esordi in Italia. Da New York City al Bel Paese, dopotutto le sue origini italiane l’hanno in un certo senso riportata a casa. La mia prima domanda riguarda proprio questo suo viaggio dagli States…

Sei newyorkese con l’Italia nel sangue. Hai sempre pensato che saresti venuta a vivere qui?

No, non pensavo di traferirmi in Italia. Studiavo lettere alla Standford University a Palo Alto, in California. Sono laureata in Lettere e in Letteratura Italiana. In quel periodo di studi volevo fare un’esperienza all’estero. Chi l’beva fatta aveva detto che era molto divertente. Io scelsi l’Italia. Ci sono rimasta 6 mesi, da New York a Firenze! Me ne sono innamorata subito, mi sembrava di vivere una favola. Quando era arrivato il momento di tornare a casa mi piangeva il cuore. Mi sono detta che finiti gli studi ci sarei ritornata. L’avrei fatto per visitarla, una pausa post università. Si è rivelata una pausa lunga una vita, non sono più andata via.

Il tuo trasferimento a Milano e l’inizio della carriera televisiva, che ricordo hai di questo periodo?

Sono una persona che si adatta facilmente. Dopo aver conosciuto Paolo Limiti mi sono traferita a Milano. Era la città ideale per lavorare. Avevo appena realizzato un disco che aveva venduto 24.000 copie. Mi sembrava una cosa naturale trasferirsi, l’ho vissuto senza traumi. Abitavo in Corso Sempione davanti agli studi RAI.

Hai fatto moltissime cose, sei un personaggio eclettico, cosa ti ha dato maggiori soddisfazioni?

La prima cosa in cui mi sono sentita davvero capace è stato il mio primo musical Victor Victoria. La parte avrebbe dovuto essere di Antonella Elia, ma al momento si trovata negli States e quindi la dettero a me. Ho vinto tantissimi premi e ricevuto applausi a scena aperta. Una grandissima soddisfazione. Era la parte giusta, ero spensierata e sono stata una rivelazione per molti. Pensa che era venuta a vedermi Heather Parisi, facendomi i complimenti. Ricordo anche Loretta Goggi che mi disse: “sei veramente particolare”. Avevo guadagnato una grande credibilità.

Justine e il teatro: una forma d’arte che dà moltissime emozioni, cosa cerchi di trasmettere al pubblico?

Cerco di rendere anche gli spettatori parte dello spettacolo. Ho interpretato il ruolo di Marilyn Monroe in “A qualcuno piace caldo”, ho fatto ridere che è sicuramente più semplice che riuscire a commuovere, ma quando riesci a far fare entrambi, ridere e piangere intendo, allora significa che hai fatto davvero bene il tuo lavoro. La commozione mi dà più soddisfazione.

Il tuo rapporto con i social?

I social sono un’opportunità per farti vedere, farlo in modo naturale senza compromessi. Servono per fare la differenza. Io per esempio lavoro tanto anche grazie ai social. Se credo in una cosa la faccio, sono leale. Cosí se decido di pubblicare prodotti che uso è perché mi piacciono veramente. Mi piace mantenere la mia integrità in tutto ciò che faccio. E con i social lo dimostro attraverso la mia immagine. La mia vita è fatta di 1000 cose e ora si ha la possibilità di raccontare tutto, non solo alcuni pezzi. Con i social puoi essere editrice di te stessa.

Bellissima questa affermazione! Non ci avevo mai pensato, ma se usati bene, servono proprio a questo! Justine sei anche mamma di due bambini, e io che curo la sessione MAMMA del nostro sito, non posso esimermi dal chiederti che tipo di mamma sei?

Sono una mamma molto attaccata ai figli. Li ho voluti fortemente! Sono sicuramente la mia prima priorità. Ad esempio adesso ho accettato un lavoro in teatro che mi porta lontano per fare le prove. La notte non riesco più a passarla senza di loro, il distacco diventa problematico. Mio papà fortunatamente viene dagli Stati Uniti per darmi una mano, ma detesto stare lontana dai miei figli. Ho ricevuto proposte per dei reality, ma per me non è più il momento per farli, i bambini sono la mia priorità. 

Grazie per le tue risposte! Concludo dicendoti che noi di dimmi! chiediamo sempre un saluto personalizzato per le nostre lettrici.

Vi dico che NON È MAI TROPPO TARDI! Dovete pensare a questo, non è mai troppo tardi per dedicare tempo a voi stesse, al vostro compagno, ai figli, a un obiettivo. Credete in voi stesse e nel vostro istinto. Se seguite il sentiero con cuore e passione vincerete sempre.

Evidentemente è quello che hai fatto tu! Prenderemo esempio! Grazie ancora Justine!

 

More in Gossip

ERMANNODONADONI>
To Top