Connect with us
DIMMI

dimmi!

Dedicato ai PAPÁ

Mamma

Dedicato ai PAPÁ

Questo spazio, bellissimo, è dedicato alle mamme! A queste creature meravigliose che riescono contemporaneamente ad essere mogli, fidanzate o compagne, amiche, zie, sorelle, donne, professioniste, ma sempre e soprattutto mamme!

Dei papà, non me ne vogliano, ma se n’è parlato poco! Li abbiamo un po’ canzonati, nominati qua e là ed è per questo che mi sento colpevole nei loro confronti.

I papà sono indispensabili! Lo sono per i figli e anche per le mamme! Sono la colonna portante dell’universo famiglia, hanno il difficile compito di tutelarla e proteggerla. I papà sono speciali. Sanno sdrammatizzare, far ridere, si incasinano quando non devono, per cose apparentemente semplici e invece sbrogliano  le matasse più difficili che le mamme si trovano a dover affrontare.

I papà sono belli! Sono orgogliosissimi delle loro creature, quasi come se a partorirli fossero stati loro! Diventano una sorta di supereroi agli occhi dei più piccoli, che imparano subito quali sono i loro poteri e come sfruttarli al meglio!

È ai papà che è dedicata una delle canzoni per me più belle mai scritte! Father and Son, Padre e Figlio, di Cat Stevens che vi invito ad ascoltare. Eccovi il testo tradotto:


FATHER AND SON

Padre e figlio

[Padre]
Non è il momento per un cambiamento,
rilassati, prendila con calma.
Sei ancora giovane, è questo il tuo difetto,
hai ancora molto da imparare.
Trovati una ragazza, sistemati,
se vuoi puoi sposarti.
Guarda me: sono vecchio, ma sono felice.
 
Una volta ero come te adesso, e so che non è facile
stare calmo quando hai scoperto che c’è qualcosa che bolle in pentola.
Ma prenditi il tuo tempo, rifletti a lungo,
be’, pensa a tutto quello che hai,
ché domani tu sarai ancora qui, ma i tuoi sogni forse no.
 
[Figlio]
Come faccio a spiegare, quando ci provo si gira dall’altra parte un’altra volta.
È sempre stata la stessa storia.
Da quando ho iniziato a parlare, mi è stato ordinato di ascoltare.
Ora ho una possibilità e so che devo andare via.
So che devo andarmene.
 
[Padre (Figlio)]
Non è il momento per un cambiamento,
siediti, rallenta un attimo.
Sei ancora giovane, è questo il tuo difetto,
devi passarne ancora di cose.
Trovati una ragazza, sistemati,
se vuoi puoi sposarti.
Guarda me: sono vecchio, ma sono felice.
(Via, via, via, so che devo
prendere questa decisione da solo – no)
 
[Figlio (Padre)]
Tutte le volte che ho pianto, tenendomi tutto dentro,
è difficile, ma ignorarlo è più difficile.
Se avessero ragione, sarei d’accordo, ma sono loro che non mi conoscono.
Ora ho una possibilità e so che devo andare via.
So che devo andarmene.
(Resta, resta, resta, perché devi andartene
e prendere questa decisione da solo?)
Photo credits:
ivbabble.com
execreview.com
familyradio.org
amyhackettjones.com

More in Mamma

ERMANNODONADONI>
To Top